La liposuzione consiste nell’aspirare, tramite microcannule di metallo collegate ad un aspiratore, tessuto adiposo da aree corporee nelle quali è depositato grasso in eccesso non desiderato.
L’intervento di liposuzione può essere eseguito in anestesia locale, se le aree da aspirare sono piccole e limitate, in anestesia tronculare o peridurale, se le zone anatomiche sono un po’ più ampie e sono ben anestetizzabili tramite questa tecnica, oppure in anestesia generale se si tratta di liposuzioni ancora più grandi o molto estese.
Dopo aver addormentato “la parte” si eseguono delle piccole incisioni tramite le quali viene infiltrata una certa quantità di soluzione di acqua sterile miscelata con un vasocostrittore e anestetico locale (per rendere il risveglio indolore).
L’infiltrazione in generale permette di aspirare l’area in maniera più omogenea e simmetrica. Questa infiltrazione può essere in un rapporto 1:1 (cioè se infiltro un litro di soluzione aspiro poi un litro di grasso) e allora si parla di tecnica “Wet”, oppure può avere un rapporto 2:1 o 3:1 e in questo caso si parla di tecnica “Super Wet”.
La maggior parte dei chirurghi utilizza, per la liposuzione, la tecnica Wet perché permette di comprendere meglio le forme, senza deformare la zona per una eccessiva infiltrazione.
Una volta attesi 10-15 minuti per consentire alle sostanze della infiltrazione di agire correttamente, si esegue una aspirazione che può essere:
Tradizionale, ancora la più diffusa e la più efficace. Questa tecnica prevede l’utilizzo di cannule metalliche di vario diametro dai 2 mm ai 5 mm collegate ad un aspiratore che genera una depressione di circa 0,6-0,7 bar.
Liposuzione con tecnica meccanica: prevede l’utilizzo di un manipolo vibrante alla sommità del quale sono collegate delle cannule tradizionali. E’ poco precisa, ma meno faticosa della tradizionale, utilizzata soprattutto da chirurghi plastici donne e chirurghi plastici meno giovani.
Liposuzione con tecnica ultrasonica: prevede l’utilizzo di cannule che nella loro sommità hanno un trasduttore ultrasonico che facilita la rottura del tessuto adiposo. Questa tecnica viene utilizzata soprattutto per le mega liposuzioni, in quanto con questa metodica si ha una minor perdita di sangue, e questo consente di poter aspirare maggior quantitativo di grasso.
Liposuzione con tecnica laser: prevede l’utilizzo di una cannula che alla sua sommità ha un trasduttore laser che rompe le cellule del grasso. La liposuzione laser è utilizzata per piccole liposuzioni del collo e delle gambe.
Alla fine dell’intervento chirurgico che può durare dai 10-15 minuti alle 3 ore, l’intervento di liposuzione termina con una fasciatura della zona tramite medicazione adesiva, una guaina apposita e calze compressive.
Questo intervento chirurgico deve sempre essere eseguito in una sala operatoria adeguatamente attrezzata e devono essere rispettati tutti i criteri di sterilità. Se questa tecnica chirurgica viene eseguita con estrema attenzione e precisione, è molto sicura e non presenta inaspettate e indesiderate sorprese.

Add Your Comment